stagione 2017/2018

 

 stagione 2017/2018

La collana di e-book Grau.2 propone i primi titoli in programma delle mostre di questa stagione 2017/2018.

Lo sviluppo dell’iniziativa prende le mosse da libri personali che i singoli componenti del Grau curano da un loro singolare punto di vista, nella ricerca esplicita di diversità e/o sommerso. A questa ossatura portante si aggiungono libri legati a semplici occasioni professionali che si vuole significative, nonché altri libri di amici artisti. Ovviamente c’è una curiosità verso i giovani in cerca di auto-pubblicazione. Ovviamente c’è una curiosità verso quegli architetti autori nell’ombra e nel disincanto di linguaggi sommersi e di qualità. Nella disponibilità a discutere sempre e comunque proposte fuori schema.

Quattordici architetti fondano nel 1964 lo Studio Grau (Gruppo romano di architetti e urbanisti) di Roma. Inizia una lunga storia. Progetti, concorsi, realizzazioni, scritti teorici, pubblicazioni, mostre. Un racconto molto esteso, appena riassunto nel libro-catalogo Isti mirant stella (Edizioni Kappa Roma, 1981, ora in riedizione nella collana Grau.2). Nel 1980 la I Biennale di Architettura «La Presenza del Passato» a Venezia riconosce lo Studio come uno dei protagonisti della scena internazionale, nella cornice storico-critica delineata dal pensiero post moderno.

Il successo trova un po’ tutti impreparati. La cornice di Venezia  va stretta al Grau che vede linguaggi complessi, variegati. Con un’evidente sfasatura fra ricerca interna e riconoscimento istituzionale. Mille dubbi. Idee personali sullo stato delle cose. Aperture/chiusure che non portano a una nuova sintesi. La Storia, nel frattempo, torna al punto zero. Lo Studio si interroga sì, eccome, ma è ancora chiuso, autoreferenziale. Per approssimazione, si può dire che il tutto “tiene” fino al 1984. Vent’anni. Che oggi qui definiamo Grau.1:Alessandro Anselmi – Paola Chiatante – Gabriella Colucci – Anna di Noto – Pierluigi Eroli – Federico Genovese – Roberto Mariotti – Massimo Martini – Giuseppe Milani – Francesco Montuori – Patrizia Nicolosi – Gianpietro Patrizi – Franco Pierluisi – Corrado Placidi - Enzo Rosato (scultore).

Tanto Grau.1 appare come gruppo solido e compatto (forma assertiva che nasconde una fragilità latente), quanto Grau.2 (1984-2014) si connota come una costellazione mutevole e variegata. Opinioni opposte sul senso stesso del post moderno. Siamo nell’incendio del decostruttivismo. Pieno di strappi il guardare a Grau.1, nel dubbio che troppi segni si siano dissolti nella nebbia della laguna. Nell’epifania di percorsi autonomi, in forme e tempi sempre più liberi e casuali. Dentro una professione ruvida, che non gradisce certo lezioni di stile.

Lo Studio c’è e non c’è. Con una flessibilità ai casi della vita che si rivela un bene per tutti. Il privato fa la sua parte. Nessuno si prende la briga di fare i conti con il tempo che passa. Nessuno dà giudizi. Le personalità (e le poetiche) si diversificano fra loro. Cadono i rigidi confini disciplinari propri di Grau.1. Matura un atteggiamento più tollerante, relativistico, curioso. Le idee arrivano sulla terra. Nel 1992 manca prematuramente Pierluisi, un riferimento per tutti. Si continua. A piccoli gruppi. Da soli. Come sia. Ma il legame c’è. È innegabile. Evidente. Quasi irragionevole. Poi manca Anselmi e il trauma è radicale. Poi anche Eroli, l’amato bastian contrario. Patrizi è lontano, dentro il suo male. Infine l’acquisizione di oltre 1.000 disegni da parte del Centre Pompidou di Parigi ci fa riflettere. Anche qualcuno che ci intervista. Domande mute fra noi. Conviene fermarsi. Valutare. Misurare il senso (o meno) di una galassia Grau.2.

Nel 2014 (il cinquantenario) tutti sono di nuovo attorno allo stesso tavolo. Come architetti. E il sentire è il medesimo. Se Grau.2 esiste non lo è per una meccanica estensione di Grau.1. Nessun Grau può essere per sempre! Si decide di mostrare i percorsi di ciascuno. Rispettando qualsiasi esito, anche il silenzio. Cercando un «nuovo» giudizio, come è giusto che sia. Così lo Studio lavora oggi a una Collana di e-book personali e personalizzati. Storie di singoli. Ossessioni. Idee. Sconfitte. Nuovi modi di raccontare. Nell’eterno (ora privatissimo) rovello fra segno e significato. Dentro vite professionali tutte strane assai. Certo non protette dall ’alloro di Venezia.

FRANCO PIERLUISI: Architettura e incisione

Sabato 14 Ottobre 2017 ore 18.00

Evento organizzato in occasione della  Tredicesima edizione della Giornata del Contemporaneo AMACI

14/27 ottobre 2017

A  cura di:  Grau.2

 

 

 

ANNA  DI NOTO/ FRANCESCO MONTUORI:

LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA SCENA PROSPETTICA NEL TEATRO ALL’ANTICA DI SABBIONETA

6/17 novembre 2017

A  cura di:  Grau.2

 

 

 

ROBERTO MARIOTTI:  ALL’OMBRA DEL DISEGNO

27 novembre/8 dicembre

A  cura di:  Grau.2

       

 

 

MATTEO MARIOTTI: UN PLAN SENCILLO

14/22 dicembre 2017

A  cura di:  Grau.2

 

 

 

CORRADO PLACIDI: VISTA LAGO

8 gennaio 2017 una serata

A  cura di:  Grau.2

     

 

 

 

 

PATRIZIA NICOLOSI: TUTTE SI MUOVONO LE FOGLIE NEL BOSCO

Nel velarsi l’antico gesto di una donna (… e ogni storia viene sempre dopo)

15 gennaio/ 2 febbraio 2017

A  cura di:  Grau.2

  

         

 

 

 

MASSIMO MARTINI: Passa la nave mia colma d’oblio

12 febbraio/ 2 marzo 2017

A  cura di:  Grau.2 : in occasione della presentazione del libro in e-book: RISCRIVERE

 

ENZO ROSATO: ATTRAVERSO LA MATERIA 

12/30 marzo 2017

A  cura di:  Grau.2

 

 

 

ORIT DRORI: Vienna. Schatten, Rosen, Schatten

5 aprile/4 maggio 2017

a cura di : Diletta Borromeo

      

 

 

17 maggio/1 giugno

Jacopo Benci – È là che io vado

a cura di : Francesca Gallo

 

giugno

IACOPO PINELLI

Nasce per violenza, muore per libertà.

11/29  giugno 2018

A cura di  Emanuele Guini

 

21 giugno

festa della musica

1 serata con Benjamin Shilling : #KOSMONAUT – OCCUPY SPACE